Attaque fasciste à Rome

Publié le par la Rédaction

Communiqué de camarades italienNEs et du groupe suite à l’attaque fasciste du concert de Banda Bassotti le 28 juin :

Aggressione fascista a Villa Ada
In questi giorni a Villa Ada si sta svolgendo la manifestazione musicale “Roma incontra il mondo 2007”. L’evento, che si ripete oramai da molti anni, è patrocinato dal Comune di Roma (Assessorato Politiche Culturali) e organizzato dall’ARCI (comitato di Roma). Ieri sera, 28 giugno 2007, al concerto suonava la Banda Bassotti, gruppo musicale con contenuti e pubblico notoriamente “di sinistra”.
    Al termine del concerto, intorno a mezzanotte e mezzo alcune decine di fascisti, al grido di “duce duce”, hanno aggredito quanti e quante andavano via dopo la serata, arrivando a lanciare una bomba carta sotto il palco, e allontanandosi solo davanti alla reazione dei presenti, apparentemente dileguandosi senza essere notati da “distrattissime” forze dell’ordine che solo dopo circa mezz’ora giungevano sul posto. Almeno tre persone hanno riportato contusioni e ferite multiple di arma da taglio, con conseguenze solo per caso non letali.
    L’iniziativa è parte dell’Estate Romana, evento di punta della politica culturale dell’amministrazione capitolina (e non è organizzata da un centro sociale). Ciò ha fatto sì che a questa aggressione venisse dato un risalto mediatico e politico notevole, a differenza delle molte di matrice neofascista ad oggi compiute a Roma, specialmente negli ultimi due anni.
    Nei giornali, nei tg locali e nazionali ricorre per la prima volta e inequivocabilmente la definizione di aggressione fascista. Anche la reazione del sindaco è immediata : già di stamattina le prime dichiarazioni, connotate da un appello alle forze dell’ordine perché gli aggressori vengano arrestati.
    Così anche il presidente delle federazione romana di AN, Gianni Alemanno, con una carriera di provocatore radicalmente legato alla propria identità neofascista, è costretto ad una presa di distanza, ma riduce, al tempo stesso, il fatto a un atto “delinquenziale”.
    Ci preme, come antifascisti e antifasciste, riportare l’attenzione su un contesto politico che abbiamo davanti agli occhi ormai da tempo, un contesto che vede un ritorno alla visibilità del neofascismo nelle sue varie forme, legittimato dalle politiche equidistanti, quando non conniventi, dell’amministrazione romana, che elargisce fondi e apre spazi a sigle come Foro 753 e all’Associazione Fratelli Mattei. Per questo è ingannevole limitare la questione ad un fatto di ordine pubblico, quando rappresenta invece l’unica pratica politica di questi neofascisti romani che incitano alle lame, all’odio razziale, sessista e omofobo.
    E’ dall’assalto di due anni fa al Forte Prenestino, in cui un compagno ha rischiato di perdere la vita, passando per l’omicidio di Renato dopo una festa reggae sulla spiaggia di Focene, che ci ostiniamo a denunciare lo squadrismo fascista rinato in questa città dalla vittoria di Storace alla Regione Lazio e tollerato nei suoi covi e nelle sue iniziative pseudo-culturali anche dalle attuali amministrazioni.
    Il dato che oggi ci rimane è che tutti gli assalitori fascisti si sono potuti dileguare nonostante il tanto osannato intervento delle forze dell’ordine, mentre due ragazzi sono ancora in stato di fermo e altri due, pur rilasciati la mattina seguente, mantengono la denuncia a piede libero. Questa decisione da parte di polizia e carabinieri, che oltretutto hanno insultato e provocato proprio chi aveva appena subito l’attacco, segnala la volontà di sminuire la matrice dell’episodio riducendolo a semplice rissa e rivela dopo Genova, le cariche all’ospedale San Paolo di Milano contro i compagni di Dax, lo “smarrimento del verbale” con le ultime dichiarazioni di Renato e la morte di Federico Aldrovandi la loro ambiguità.

Domani mattina porteremo la nostra solidarietà ai ragazzi tutt’ora
detenuti, in occasione dell’udienza che si terrà alle ore 9:00 al tribunale di piazzale Clodio.

Assemblea ore 18.00 lunedì 2 luglio al csoa Ex Snia



Comunicato Banda Bassotti
Tutti i TG nazionali, tutti i quotidiani, un approfondimento con tanto di esperti (di che poi?) su Rai Tre, continue richieste di interviste, dichiarazioni congiunte e concordanti del sindaco Veltroni e del fascista Alemanno…
    L’aggressione dei fascisti a villa Ada il 28 notte dopo il nostro concerto deve aver colpito l’immaginazione di molti… si rispolverano termini come “Apologia di Fascismo” (reato in teoria) e si evocano gli spettri della violenza degli opposti estremismi…
    Già, opposti… Come fascismo e antifascismo, come reato e principio costituzionale.
    In ogni modo, bisogna interrogarci su quale sia la novità che tanto inquieta in questa arsura estiva.
    I fascisti ci sono sempre stati; hanno negozi, sezioni, siti web e addirittura centri sociali (vero Sindaco?) dove si vende e si distribuisce materiale razzista, revisionista e negazionista… Si presentano alle elezioni insieme a quello che viene chiamato “centro-destra”… le loro bandiere sventolavano anche sotto il palco del Family Day, vanno in televisione, e nelle curve degli stadi… non vediamo realmente dove sia la novità in tutto questo… e perché questi uomini illustri, oggi solo si sorprendano che ci siano dei fascisti, degli xenofobi e intolleranti e si sorprendano anche che vengano ad aggredire un concerto della Banda Bassotti. Noi non siamo affatto sorpresi… in 16 anni di tours hanno provato molte altre volte ad aggredirci… ci vengono in mente Bolzano, Milano, Bergamo, Madrid, Bilbao e anche a Roma un anno fa per dirne qualcuna… ed erano sempre fascisti. strano eh?
    I fascisti aggrediscono con i coltelli, quasi sempre feriscono, a volte uccidono e spesso non vengono presi… Provate a contare le decine di episodi denunciati solo nell’ultimo anno…
    La notte di giovedì la polizia era assente e quando è arrivata non è entrata nella villa perché male equipaggiata ed ha concesso quindi agli aggressori 10 minuti buoni in più di autonomia.
    In attesa che arrivassero i rinforzi, chiaramente non hanno fermato neanche uno degli aggressori…
    La polizia era però presente nel pomeriggio per verbalizzare una querela contro uno di noi accusato di ingiurie, ossia di “aver detto parolacce” al figlio di un loro funzionario per un motivo surreale…
    La polizia era presente anche per arrestare chi si voleva autodifendere (chissà perché) dai fascisti.
    I feriti sono molti di più di quelli che dicono i giornali che peraltro come al solito non hanno fatto che travisare ed inventare di sana pianta nostre dichiarazioni… ma questo è ciò che spesso succede… per noi neanche questa è una novità…
    Chissà quante teorie nei prossimi giorni; “indignazione”… “pugno di ferro”, “legalità”… sociologi invitati a dibattiti e uomini illustri che si riempiranno la bocca di tante belle parole e di antitodi sicuri da adoperare…
    Scusateci tanto… noi non ce la facciamo a stupirci. L’unica cosa reale sono questi ennesimi nostri feriti, sono questi nostri ennesimi denunciati perché colpevoli di essersi difesi… ed è a loro che va la nostra solidarietà e il nostro affetto. A questa gente che che paga con noi la realtà di vivere in un Paese in cui il fascismo è un’opinione come le altre o al massimo un estremismo pari a quello di chi ha liberato questa nazione offrendo in cambio il proprio sangue, la propria gioventù, la propria vita.
    Noi andiamo avanti per la nostra strada; conosciamo il nostro mondo e non possiamo viverlo saltuariamente.

Antifascisti Sempre

BANDA BASSOTTI

Publié dans La police travaille

Commenter cet article